Sostieni l'Arte viva

on Thursday, 07 June 2018 21:00

Destina il tuo 5 X 1000 all'Accademia di Belle Arti di Firenze

Le quote del 5 per mille devolute in favore dell'Accademia di Belle Arti di Firenze saranno destinate alla creazione di un fondo per il sostegno alle attività artistiche degli studenti e alle iniziative di autoimprenditorialità artistica dei neodiplomati.

Come destinare il 5 per mille all'Accademia di Belle Arti di Firenze:

Modello 730 o Modello Redditi (ex Unico): per destinare il 5 per mille dell'imposta Irpef all'Accademia di Belle Arti di Firenze basta indicare su modello per la dichiarazione dei redditi (730 o Redditi) il codice fiscale 80019050485 e firmare nello spazio dedicato al: "Finanziamento della Ricerca Scientifica e della Università". Nel caso in cui ci si avvale di un intermediario (commercialista, CAF ...) per la compilazione e trasmissione della dichiarazione dei redditi basterà segnalarglielo in sede di presentazione della stessa.

Modello CU (ex CUD): anche chi non è tenuto a presentare la dichiarazione dei redditi e/o si trova nella condizione di lavoratore pensionato può destinare il 5 per mille all'Accademia di Belle Arti di Firenze utilizzando la scheda allegata al Modello CU fornito dal datore di lavoro o dal proprio ente pensionistico di riferimento. Anche qui occorre firmare nel riquadro "Finanziamento della ricerca scientifica e dell'Università" e indicare il codice fiscale 80019050485. Perché la scelta sia correttamente trasmessa all'Agenzia delle Entrate occorre riporre la scheda in busta chiusa, indicando all'esterno della stessa il proprio cognome, nome, codice fiscale e la causale "DESTINAZIONE CINQUE PER MILLE IRPEF", quindi consegnarla a un ufficio postale (che la riceverà gratuitamente) o a un intermediario abilitato alla trasmissione telematica (commercialista, CAF ...).

Destinare il 5 per mille dell'imposta sul reddito all'Accademia di Belle Arti di Firenze non costa nulla e non è una scelta alternativa a 8 per mille e 2 per mille. Inoltre se non destinato a nessuno il 5 per Mille dell'imposta sul reddito rimane allo Stato.