Nasce il laboratorio "La ceramica: materiali, tecnologie e innovazione"

on Wednesday, 10 January 2018 11:34

Dal 28 febbraio a Montelupo Fiorentino. Iscrizioni entro il 10 febbraio.

Nel Centro Ceramico Sperimentale di Montelupo Fiorentino nasce la prima edizione del laboratorio  La ceramica: materiali, tecnologie e innovazionePresentato ieri in Accademia - con il sindaco di Montelupo Fiorentino, Paolo Masetti; il Coordinatore del Centro Ceramico Sperimentale, Paolo Pinelli, e il vice presidente dell'azienda Colorobbia, Marco Bitossi - il laboratorio è dedicato a tutti gli studenti dell'Accademia.

Sessanta ore per un percorso formativo ma soprattutto conoscitivo della ceramica e dei suoi molteplici campi d'applicazione: dall'arte all'artgianato, fino all'automotive, che si svolgerà dal 28 febbraio al 26 aprile 2018. Per questa prima edizione saranno massimo 30 gli allievi partecipanti, organizzati in due gruppi da 15, ai quali sarà offerto l'abbonamento ferroviario per raggiungere la sede del corso.

Docenti responsabili del progetto: Fabrizio Lucchesi (referente) e Antonio Brangi, mentre la narrazione video delle esperienze didattico-formative sarà affidata al prof. Massimo Rossi. Le iscrizioni dovranno essere indirizzate al referente, prof. Fabrizio Lucchesi, entro il 10 febbraio. Per ottenere il riconoscimento di 4 crediti formativi gli iscritti dovranno frequentare almeno l'80% del corso stesso, secondo modalità che saranno successivamente definite dai docenti responsabili.

"Questo laboratorio si inserisce in un progetto più ampio – spiega il direttore dell'Accademia di Belle Arti di Firenze, Claudio Rocca - che apre l'Accademia alla Città Metropolitana e allo stesso tempo si pone l'obiettivo di ampliare l'offerta formativa con l'auspicio di arrivare a progettare un Master annuale".

La ceramica: materiali, tecnologie e innovazione fa seguito alla convenzione siglata lo scorso maggio dall'Accademia con l'azienda Colorobbia e Comune di Montelupo.
Una parnership che - come spiega Marco Bitossi di Colorobbia SpA - "recupera il significato del rapporto scuola - lavoro nell'ambito della ceramica artistica, ma può essere anche uno stimolo per gli studenti a spingersi in campi limitrofi alla ceramica stessa, favorendo la scoperta di nuovi materiali".

Un'occasione che – conclude il sindaco di Montelupo Fiorentino, Paolo Masetti – "ci consente di aprire il mondo dell'arte ai cittadini e dare agli artisti il terreno fertile di cui hanno bisogno".