Incontro con Germana Perani

on Venerdì, 24 Maggio 2019 18:04

Lunedì 27 maggio, ore 10, Sala del Cenacolo

"La maravigliosa galeria" di Manfredo Settala (Milano 1600-1680). Un museo "moderno" nella Milano del XVII secolo è il titolo della conferenza che la dott.ssa Germana Perani terrà lunedì 27 maggio (ore 10) presso la Sala del Cenacolo dell'Accademia di Belle Arti di Firenze.

Archeologa e museologa, Perani ricostruirà l'incredibile collezione di Manfredo Settala e la sua figura di uomo e collezionista eccentrico sul finire del Seicento. Sulla base di uno studio sulle fonti scritte e sugli oggetti dispersi fra la Pinacoteca Ambrosiana, vari depositi e il MUDEC Museo delle Culture di Milano, l'autrice proporrà un interessante ricongiunzione, con l'ausilio della multimedialità, di questa importantissima collezione italiana, unica nel suo genere.

La conferenza, a cura della prof.ssa Lucia Cataldo, si tiene nell'ambito del corso di Museologia e Storia del collezionismo e del corso triennale di Didattica per i musei.

Germana Perani ha conseguito la laurea in lettere classiche a indirizzo archeologico all'Università degli Studi di Milano, la specializzazione in Antichità Celtiche all'Università degli Studi di Bologna, il Master in Musealizzazione e Valorizzazione dei reperti archeologici all'Università di Tor Vergata e la specializzazione in Museologia e Museografia presso l'Accademia di Belle Arti di Macerata.
Nel corso della formazione universitaria e post universitaria maturano esperienze in musei italiani e stranieri, quali: il Dolenjski Muzej di Novo Mesto (Slovenia), il Museo di Singen (Baden Wuttemberg DE), il Museo Francesco Messina di Milano e da ultimo lo stage presso il KHM di Vienna grazie ad una borsa Erasmus plus.
Tra le esperienze lavorative, oltre all'attività di schedatura di materiale archeologico presso le soprintendenze dell'Emilia Romagna, del Friuli Venezia Giulia e della Lombardia, si inserisce anche l'attività triennale di consulenza per la sezione archeologica del Museo di Lodi, che ha portato al riordino e all'inventariazione del materiale conservato nei magazzini, alla riorganizzazione dell'allestimento e all'attività di promozione e comunicazione delle collezioni del museo attraverso pubblicazioni e mostre.
Segue l'incarico biennale di conservatore presso il Museo Civico di Crema e del Cremasco, nell'ambito del quale è maturato il progetto di riallestimento della sezione archeologica.
Ha collaborato con la Soprintendenza archeologica della Lombardia per il progetto museologico del Museo archeologico Laus Pompeia di Lodi Vecchio (LO). Svolge attività di docenza presso la Fondazione Cardinal Colombo di Milano, per la quale organizza corsi di archeologia e di arte antica. Ha organizzato un corso di aggiornamento per docenti dal titolo Attori al museo.
Le pubblicazioni riguardano la storia del collezionismo archeologico, la museologia e museografia e l'archeologia celtica e romana.