Un atelier d'artista aperto al pubblico per la mostra "A Nudo"

on Mercoledì, 12 Settembre 2018 10:01

Inaugurazione il 17 settembre. Esposizione fino al 12 ottobre

La mostra A Nudo si arricchisce con l'apertura di un vero e proprio atelier di pittura: l'aula-laboratorio 23/24, uno dei luoghi in cui nascono le tele realizzate dai giovani artisti dell'Accademia di Belle Arti di Firenze.

Nel corso della giornata di inaugurazione che si terrà lunedì 17 settembre alle ore 17, gli studenti al lavoro accoglieranno il pubblico nell'aula 23/24 e mostreranno tele anche di grandi dimensioni, frutto della ricerca artistica sul tema del nudo. La mostra sarà corredata di un video, realizzato dalla studentessa Jessica Guerzoni.

Le tele completano la mostra A Nudo ed entrano a far parte del percorso espositivo già allestito a luglio in aula 25 e lungo il corridoio antistante, caratterizzato da settanta disegni che ritraggono le forme del corpo umano su supporti di tipologia e dimensione diversa. 

La mostra è curata dai docenti: Adriano Bimbi, Cristina Frulli, Carla Fusi, Spartaco Papini e Francesca Petrucci

In mostra le opere di: Babini Eugenia, Baldi Gabriele, Barbieri Sofia, Barghini Carol, Bruni Francesca, Carli Sofia, Cau Elsa, Ceddia Andrea, Cellura Alessandro, Cerulli Cristina, Cesarato Michele, Chen Huiwen, Ciafrei Alisea, Colosimo M.Rosella, Di Nasso Sara, Fenicia Sara, Ghahari Seyedeh Sadra,,Giri Irene, Gori Beatrice, Iafrancesco Michele, Ianiero Filippo, Kromm Anna, Maglio Demetrio, Mantovani Tatiana, Marafioti Miriam, Masiani Sara, Massalongo Sofia, Materassi Cristina, Nardi Federica, Osso Saverio, Pennacchietti Sara, Petrova Neda, Politi Selma, Prokopenko Svitlana, Resetta Chiara, Resta Annabella, Roberto Giulia, Santoni Lucia, Saulle Giorgia, Selvaggio Alessio, Sguerri Rebecca,
Shaposhnikova Elena, Shengao Mi, Shevchenko Maria, Sillitti Elena, Sonetto Diana, Sorrenti Rosario, Stella Caterina, Tashò Ilir, Tregubova Oxana, Tumedei Daniela, Tummino Gabriele, Xie Yu, Xu Ja Chen, Zang Siyuan, Zhan Qi, Zorina Elizaveta.