--------------------

Obiettivo sostenibilità: in Accademia arrivano i primi fontanelli d’acqua e borracce ecologiche

on Giovedì, 22 Aprile 2021 13:13

Un’Accademia sempre più sostenibile e attenta allo spreco di plastica monouso. Con queste premesse nei giorni scorsi sono stati installati tre nuovi fontanelli per l’erogazione gratuita di acqua microfiltrata nella sede storica di via Ricasoli. L’operazione è stata anticipata dalla distribuzione delle prime borracce targate Accademia, iniziativa che proseguirà fino a coprire l’intera comunità accademica.

Avviato lo scorso anno per dare un segnale concreto di cambiamento verso la responsabilità ecologica e la riduzione dell’impatto ambientale, dopo uno stop iniziale imposto dall’insorgere della pandemia, nei mesi scorsi il progetto Accademia sostenibile ha potuto finalmente trovare compimento, complice anche la graduale ripresa delle attività laboratoriali in presenza e il ritorno degli studenti in aula. Il progetto ha quindi acquisito un valore particolarmente importante e simbolico, gettando le basi per una ripartenza con metodi e abitudini nuove.

L’attenzione alle tematiche ambientali – spiega il Direttore dell’Accademia, Claudio Rocca – e in particolare la riduzione dello spreco di materiale plastico monouso che possiamo fare tra le mura dell’Accademia, era fra le priorità del mio secondo mandato. E ora, grazie alla collaborazione di tutta la comunità accademica, può diventare finalmente un impegno concreto. La pandemia ci ha portati a ridimensionare le nostre aspirazioni, costringendoci a mettere in attesa tanti progetti, ma è stata anche l’occasione per ripensare il nostro stare in comunità”.

Accanto alla collocazione dei fontanelli, l’Accademia ha anche avviato parallelamente un processo di riordino del servizio di distribuzione automatica di cibi e bevande, attraverso la sostituzione dei distributori preesistenti con apparecchi cosiddetti ecoinnovativi, cioè in grado di utilizzare solo bicchieri e palette completamente biodegradabili e compostabili.
Attenzione all’ambiente ma anche alla salute di studenti, docenti e personale amministrativo. I nuovi distributori, infatti, conterranno soprattutto snack salutari, provenienti anche dal mercato equo-solidale, biologici, con un’attenzione particolare all’etica del consumo alimentare e alle intolleranze.

Aspettavamo da tempo questo cambiamento – commenta Davide Armati della Consulta degli studenti, organo di rappresentanza di tutti gli iscritti – Siamo grati all’Accademia per questo gesto che punta al benessere degli studenti e dell’ambiente”. Davide, che insieme agli altri membri della Consulta ha dato un contributo essenziale nella fase di distribuzione delle borracce, racconta come l’iniziativa sia stata particolarmente gradita dagli studenti, tanto che “dopo pochi minuti dalla pubblicazione della notizia sul nostro profilo Instagram abbiamo iniziato a ricevere tantissime richieste e organizzato immediatamente il ritiro delle borracce prima dell’arrivo degli erogatori, in modo da rispettare tutte le norme anti-contagio: già il primo giorno ne avevamo consegnate 200”.

Stando alle stime di consumo nel periodo pre-pandemico, attraverso questo percorso l’Accademia ogni anno potrà ridurre il suo impatto sull’ambiente di circa una tonnellata e mezzo di plastica monouso, proveniente da bottigliette d’acqua da 500ml e bicchieri usa e getta per caffè e altre bevande calde.