--------------------

L'Accademia è 'cultural partner' di Arte Fiera

on Wednesday, 24 January 2024 00:00

Uno spazio sarà dedicato alle opere dei nostri studenti

banner arte fiera

Dal 1 al 4 febbraio, si svolge a Bologna la settimana dell'arte, un evento ampiamente atteso, che assume un significato particolare quest'anno in occasione del cinquantesimo anniversario di Arte Fiera, una manifestazione che ha giocato un ruolo significativo nel plasmare il panorama artistico internazionale.

Il programma del 2024 si concentra sul ritorno alle origini di Arte Fiera, rievocando le edizioni pionieristiche che hanno dato origine a questa manifestazione. Con uno sguardo fresco e innovativo, si celebra un'epoca d'oro per l'arte bolognese: gli anni Settanta.

Tra le novità di quest'edizione, spicca la partecipazione dell'Accademia di Belle Arti di Firenze, che presenta una selezione curata dai docenti Carlo Falciani e Laura Lombardi. All'interno della fiera, l'Accademia offre una vetrina istituzionale con un'eclettica selezione di opere realizzate dagli studenti, che spaziano dalla pittura al video, dalla performance all'esplorazione di nuove forme espressive.

Lo spazio dedicato all'Accademia rappresenta una naturale continuazione delle varie attività organizzate annualmente dall'istituzione e della partecipazione degli studenti a manifestazioni interne ed esterne all'accademia, come la MFA_Mostra di Fine Anno, Incipit II o la Biennale di Monza. Contesti in cui gli studenti hanno l'opportunità di confrontarsi con il sistema dell'arte e le sue dinamiche.

Presenti una panoramica di lavori che utilizzano vari media, dalla pittura al video, alla performance. Nonostante la diversità dei linguaggi, le opere costruiscono un discorso coerente incentrato sui temi della memoria e dell'identità, riflettendo l'essenza stessa dell'espressione contemporanea.

Dai dipinti di Bianca Gandolfo, in dialogo con le immagini del Lesbian Herstory Archives di New York, alle tele di Giovanni Ceruti che trasformano le frasi incerte dei bambini in un'espressione pittorica delle prime fratture della vita. Zhou Chenliang utilizza un alfabeto onirico per descrivere le oscillazioni del proprio sentire, costruendo un racconto pittorico unico. Infine, i video di Giacomo Donati e Irene Scartoni, intitolati Lavoretti, narrano una sensualità metropolitana che riflette sia sulla natura che sull'occhio digitale della telecamera, offrendo frammenti narrativi del loro sentire in un reciproco e affascinante riflesso.

L'Accademia di Belle Arti di Firenze è entusiasta di portare la creatività dei suoi studenti a Arte Fiera, contribuendo a arricchire e diversificare il panorama artistico italiano.

Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito Web e la tua esperienza durante l'utilizzo. Solo i cookie essenziali per il funzionamento del sito sono stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e su come eliminarli, consulta la nostro Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk